Informazioni e Modulistica
Organizzazione
Attività istituzionali
Relazioni con il pubblico
Informazioni - Modulistica
Normativa di riferimento
News
Link
Home

radioamatori

apparati CB

servizio radiomobile
marittimo e aereonautico

servizi di
telecomunicazione

installazione impianti
di telecomunicazione

operatori servizi postali

agevolazioni tariffe
per l'editoria

accesso ai documenti
del ministero

AUTORIZZAZIONI ALLA MODIFICA DI IMPIANTI DI RADIODIFFUSIONE

I casi in cui devono essere autorizzate le modifiche degli impianti di radiodiffusione sonora e televisiva e dei connessi collegamenti di telecomunicazione, censiti ex art. 32 della legge 223/90, sono: (Art. 1, comma 4 della legge 122/98)

a) trasferimento a qualsiasi titolo della sede dell’impresa o della sede della messa in onda;
b) sfratto o finita locazione dei singoli impianti;
c) esigenze di carattere urbanistico, ambientale e sanitario ovvero ottemperanza agli obblighi di legge

I casi in cui devono essere autorizzate le modifiche degli impianti di radiodiffusione sonora e televisiva e dei connessi collegamenti di telecomunicazione, censiti ex art. 32 della legge 223/90, sono: (Art. 1, comma 5 della legge 122/98)

a) compatibilizzazione radioelettrica;
b) ottimizzazione e razionalizzazione delle aree servite dalle emittenti legittimamente operanti alla data di entrata in vigore della legge 249/1997.

Si intende per

a) “compatibilizzazione”: qualsiasi intervento tecnico atto a risolvere o migliorare le situazioni interferenziali tra gli impianti delle emittenti radiotelevisive pubbliche e private, derivanti da un legittimo esercizio degli impianti delle emittenti;

b) “ottimizzazione”: qualsiasi intervento tecnico finalizzato al miglioramento dell’irradiazione nelle aree di servizio degli impianti delle emittenti;

c) “razionalizzazione”:qualsiasi intervento tecnico finalizzato alla razionalizzazione della rete di diffusione dell’emittente.

DOCUMENTAZIONE

a) domanda in bollo;
b) modelli per l’aggiornamento tecnico dei dati concessori (schede b e c);

COSTO DEGLI INTERVENTI

I costi degli interventi sono posti a carico della parte che richiederà l’intervento stesso e saranno calcolati in riferimento al luogo ed alla durata.


IMPIANTI E CONDUTTURE DI ENERGIA ELETTRICA - INTERFERENZE

Ai sensi dell'art. 95 del decreto legislativo 259/2003 "Codice delle comunicazioni elettroniche" nessuna conduttura di energia elettrica, anche se subacquea, a qualunque uso destinata non può essere costruita, modificata o spostata senza che sul relativo progetto si sia preventivamente ottenuto il nulla osta del Ministero ai sensi delle norme che regolano la materia della trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica.

DOCUMENTAZIONE

Si rimanda a quanto riportato in basso in merito alle procedure per il conseguimento dei nulla osta alla costruzione, modifica o spostamento di impianti a M.T ed A.T.

RETI LOCALI RADIOLAN E HIPERLAN AD USO PRIVATO

Ai sensi dell'art.104 comma 3 del Codice delle comunicazioni elettroniche è soggetta ad autorizzazione generale l'installazione ed esercizio di reti locali radiolan o hiperlan al di fuori del proprio fondo, ovvero reti hiperlan operanti necessariamente in ambienti chiusi o con vincoli specifici derivanti dalle prescrizioni del Piano nazionale di ripartizione delle frequenze realizzate mediante dispositivi rispondenti alla raccomandazione della Conferenza europea delle amministrazioni delle poste e delle telecomunicazioni CEPT/ERC/REC/ 70-03 Annesso 3.
Alla dichiarazione,intesa ad ottenere l'autorizzazione generale, bisogna allegare:

1) pianta topografica in scala 1:200.000 con indicazione dell'area di servizio del radiocollegamento, e l'ubicazione degli apparati;
2) tipologia delle stazioni di base specificando marca e tipo degli apparati;
3) dichiarazione di conformità degli apparati:
4) tipo e specifiche di antenne esterne e loro posizionamento sulla pianta topografica;
5) numero esatto degli apparati;

CONTRIBUTI

Al momento per le reti in questione non sono previsti contributi.

RETI LOCALI RADIOLAN E HIPERLAN AD USO PUBBLICO

Il termine Wi-Fi indica la tecnica e i relativi dispositivi che consentono a terminali di utenza di collegarsi tra loro, tramite dispositivi di ricetrasmissione radio quali gli access point (AP), attraverso una rete locale in maniera wireless (WLAN) basandosi sulle specifiche dello standard IEEE 802.11. A sua volta la rete locale così ottenuta può essere interallacciata alla rete Internet tramite un router ed usufruire di tutti i servizi di connettività offerti da un ISP.(Internet Service Provider).

La potenza di trasmissione degli AP è di 100 mW ed hanno un raggio di copertura di circa 100 m.

La banda di frequenze utilizzate è 2,4 o 5 GHz

La parte radio o interfaccia radio Access Point-utente costituisce la rete di accesso, mentre la LAN cablata che collega tutti gli Access Point rappresenta la rete di trasporto. La rete totale così ottenuta può essere interallacciata alla rete Internet tramite un router usufruendo dei relativi servizi di internetworking. La rete di trasporto può essere cablata, ed è generalmente costituita da una rete Ethernet, oppure può essere costituita da un sistema wireless distribuito ovvero con scambio di informazioni interamente tramite le interfacce radio.

I tipi di antenne sono fondamentalmente due: omnidirezionali, (utilizzate di norma per distribuire la connettività all'interno di uffici o comunque in zone private e relativamente piccole oppure, con raggi d'azione più grandi, possono coprire aree pubbliche come aeroporti, centri commerciali ecc.) e direttive tramite le quali è possibile coprire grandi distanze esterne ad edifici, definibili in termini di chilometri, e sono proprio questi collegamenti a portare la banda larga nei territori scoperti dalla rete cablata. In questo caso, è possibile aggregare più reti in un'unica grande rete, portando la banda in zone altrimenti scollegate.

I collegamenti in ponte radio tra diverse Lan sono soggetti alla concessione del diritto duso delle frequenze utilizzate rilasciata dal Ministero dello sviluppo economico - Dipartimento per le comunicazioni – Direzione Generale Servizi di Comunicazione Elettronica e di Radiodiffusione- Roma

Ai fini del conseguimento dell'autorizzazione generale per lofferta al pubblico dei servizi di comunicazione descritti deve essere inoltrata alla stessa Direzione una dichiarazione secondo lallegato A al D.M: 28 maggio 2003 e s.m.ed essere iscritti al Registro degli operatori di comunicazione presso lAutorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom).

CONTRIBUTI

Le società in possesso di autorizzazione generale sono tenute, in base al comma 2 dellart. 1 dellallegato 10 del Codice di comunicazione elettronica, al pagamento di un contributo annuo di euro 600 per ciascuna sede in cui sono installate apparecchiature di commutazione proprie di ciascun servizio offerto, da effettuarsi entro il 31 gennaio di ogni anno.

I contributi per la concessione al diritto duso delle frequenze nei ponti radio di collegamento sono determinate, secondo le caratteristiche dellimpianto dalla stessa Direzione.

PHONE CENTER - INTERNET POINT

Servizio telefonico ed eventualmente fax offerto al pubblico in luoghi presidiati - Accesso alla rete internet ed eventualmente servizio fax offerto al pubblico in luoghi presidiati.
Non si considera fornitore di un servizio pubblico di telecomunicazioni quell'esercente l'attività commerciale quale ad esempio gestore di bar,albergo,pizzeria,tabaccheria,che,non avendo come oggetto sociale principale l'attività di telecomunicazioni,mette a disposizione della propria clientela le apparecchiature terminali di rete.(art. 1 deliberazione dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 102/03/CONS del 15 aprile 2003)

CONTRIBUTI

Le apparecchiature utilizzate per l'espletamento dei servizi di "phone center" ed "internet point" non rientrando in quelle contemplate dall'art. 1 comma 2 dell'allegato 10 al Codice delle comunicazioni elettroniche non comportano il versamento di alcun contributo per diritti amministrativi.

Scheda B di aggiornamento dei dati tecnici degli impianti di radiodiffusione in concessione
i(file PDF Acrobat 91k)
Scheda C di aggiornamento dei dati tecnici degli impianti di radiodiffusione in concessione
i(file PDF Acrobat 212k)
Lettera di impegno per il rilascio del nulla osta alla costruzione di impianti e condutture di energia elettrica Procedura per il rilascio dei consensi alla costruzione ed esercizio relativi agli elettrodotti di 3^ classe
(
file PDF Acrobat 13k)
Atto di sottomissione
(File PDF Acrobat 12k
Procedura per il conseguimento del nulla osta per la costruzione, modifica o spostamento di impianti a M.T.
(
file PDF Acrobat 8k)
Procedura per il conseguimento del nulla osta per la costruzione, modifica o spostamento di impianti a A.T.
(
file PDF Acrobat 8 )
Procedura per il rilascio dei consensi alla costruzione ed esercizio relativi agli elettrodotti di 3^ classe
(
file PDF Acrobat 4,4 M)
Dichiarazione per autorizzazione all'esercizio di radiolan e hiperlan ad uso privato
(file PDF Acrobat 12,7k)
Dichiarazione per autorizzazione all'esercizio di radiolan e hiperlan ad uso pubblico - Allegato A al decreto ministeriale 28 maggio 2003
(file PDF Acrobat 12k)
Modulo di segnalazione di infrazione.
Modulo di segnalazione di infrazione al Codice di autoregolamentazione in materia di televendite e spot di televendita, di beni e servizi di astrologia,di cartomanzia ed assimilabili,di servizi relativi ai pronostici concernenti il gioco del lotto,enalotto,
superenalotto,totocalcio,totogol,totip,lotterie e giochi similari.
(file PDF Acrobat 13k)

Autocertificazione Carichi Penali.
(file PDF Acrobat 11 KB)

Dichiarazione per l'offerta al pubblico di reti e servizi di Comunicazione Elettronica.
(file PDF Acrobat 15 KB)

Autocertificazione d'iscrizione alla C.C.I.A.A. con dicitura antimafia (Ditta individuale).

Autocertificazione d'iscrizione alla C.C.I.A.A. con dicitura antimafia (Società).